La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 6 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 6 della Convenzione per la salvaguard Сведения: 2018-09-09 06:52:27

Decreto ECHR del 7 dicembre 2017 nel caso di Arnoldi c. Italia (ricorso n. 35637/04).

Nel 2004, il richiedente è stato assistito nella preparazione della ricorso. La ricorso è stata successivamente comunicata in Italia.

Il caso ha esaminato con successo il reclamo del richiedente circa la lunghezza eccessiva del procedimento penale, per impedirle di entrare nel procedimento penale come attore civile a causa della durata delle indagini preliminari. C'è stata una violazione dell'articolo 6 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

 

CIRCOSTANZE DEL CASO


Nel 1995 la ricorrente ha presentato una denuncia penale sul fatto di falso (a causa della testimonianza resa in relazione con i suoi sforzi per impedire la costruzione illegale sul territorio del suo patrimonio). Dopo un'indagine preliminare, durato sette anni, i procedimenti sono stati sospesi sulla base della prescrizione per la prosecuzione di questo crimine. Il richiedente ha presentato una denuncia ai sensi della legge Pinto, lamentando la lunghezza eccessiva del procedimento penale. Il suo ricorso è stato dichiarato inammissibile nel merito per il fatto che lei non ha avuto lo status di parte civile in un procedimento avviato su sua richiesta, e che sarebbe difendere i loro diritti nei tribunali in materia civile, senza attendere il completamento delle indagini preliminari.

Secondo la legge italiana, la vittima non può entrare nella causa come attore civile prima dell'udienza preliminare. Nel caso di specie non si è tenuta nessuna udienza preliminare al momento del riconoscimento della scadenza della prescrizione per il reato.


QUESTIONI DI LEGGE


Riguardo all'osservanza dell'articolo 6, paragrafo 1, della Convenzione. (a) Applicabilità delle disposizioni della Convenzione. aspetto di diritto civile dell'articolo 6 § 1 della Convenzione è stato riconosciuto come applicabile nel caso di specie per le seguenti ragioni legate, in particolare, con le caratteristiche specifiche del sistema legale in Italia.

(i) L'esistenza della legge civile dalla parte lesa. Due criteri stabiliti dalla giurisprudenza della Corte europea sono alternativi, non cumulativi. Per la persona interessata è necessario e sufficiente per agire al fine di ottenere "compensazione", anche se solo simbolico, o con lo scopo di "diritti civili", con atto di partecipare al procedimento come parte civile o semplicemente avviando un querela. Di conseguenza, il fatto che il requisito della compensazione formale non sia stato sollevato non preclude l'applicabilità dell'articolo 6 della Convenzione. In ciascun caso, è necessario considerare se l'ordinamento giuridico nazionale abbia riconosciuto che la persona che ha presentato il reclamo ha un interesse civile a difendersi in un procedimento penale.

Nel caso di specie, non era contestato che entrambi questi criteri fossero soddisfatti. In primo luogo, la presentazione di una richiesta di aprire un procedimento penale, e come di seguito al punto (ii), il richiedente ha dimostrato il suo interesse ad ottenere un risarcimento per la violazione dei diritti civili su cui si poteva contare per motivi discutibili. In secondo luogo, il caso riguardava i lavori della contraffazione, in cui la ricorrente ha chiesto il riconoscimento di carattere inaffidabile della testimonianza resa da terzi in base ai quali le autorità dello Stato convenuto ha respinto la sua domanda per la protezione dei diritti di proprietà.

(ii) La natura decisiva della fase preliminare del processo per la protezione dei diritti civili delle vittime. Questo problema non può essere considerato in modo astratto, dal momento che è necessario tener conto delle peculiarità del sistema giuridico interno e delle circostanze specifiche del caso.

In conformità con il codice di procedura penale l'Italia è vittima di una serie di diritti, compreso il diritto di condurre le indagini in modo indipendente della procura partito in corso e la difesa, e il diritto di impugnare la decisione di cessare la produzione. Inoltre, il sistema legale italiano è regolato dal principio della "legalità dell'accusa". Ciò significa che, se le autorità nazionali hanno notificato sulle azioni che potrebbero costituire un reato (ad esempio, sulla domanda), sono tenuti se ci sono motivi per perseguire i colpevoli. Di conseguenza, presentando una domanda, le vittime hanno il diritto di aspettarsi nei casi previsti dalla legge, che viene avviato un procedimento in cui potrebbero venire come parti civili per ottenere il risarcimento dei danni.

Rispettivamente, secondo la legge italiana sulla posizione della vittima, che è attesa per l'opportunità di partecipare al procedimento come parte civile, porta almeno uno di questi diritti e opportunità nel procedimento penale non sono significativamente diversi dalla qualità di parte civile. Pertanto, l'esito del procedimento preliminare è stato decisivo per questa causa civile.

Nel caso di specie, la ricorrente ha effettuato almeno uno dei diritti e delle opportunità offerte alle vittime in conformità con la legislazione nazionale, dal momento che ha presentato i documenti direttamente chiesto che esso ha notificato alla chiusura del procedimento, e ripetutamente richiesto dal pubblico ministero di agire e la rapida conclusione del procedimento.

(iii) Obiezione sull'esistenza di altri rimedi in grado di proteggere gli interessi civili del richiedente. Il fatto che al ricorrente siano stati concessi altri mezzi di protezione (vale a dire, l'accesso ai tribunali civili) per dimostrare che le prove erano false era una circostanza che la Corte stava per valutare nel valutare la proporzionalità delle restrizioni all'accesso a un tribunale e non era nel contesto dell'applicabilità dell'articolo 6 della Convenzione.

Se l'ordinamento giuridico interno fornisce un rimedio volto a proteggere la legge civile, lo Stato deve garantire che i partecipanti al procedimento godano delle garanzie fondamentali dell'articolo 6 della Convenzione, anche se le norme interne consentono una diversa modalità di protezione.

Inoltre, poiché la ricorrente non aveva adottato misure al di fuori dell'ambito del procedimento penale per garantire la tutela dei suoi diritti civili, non si può ritenere che abbia rinunciato ai suoi diritti ai sensi dell'articolo 6 della Convenzione.


DECISIONE


L'articolo 6 della Convenzione è applicabile alla causa (adottata all'unanimità).

(b) Meriti. Data la natura del procedimento penale in Italia l'inizio del periodo da prendere in considerazione è la data di deposito della denuncia della ricorrente (ottobre 1995), e il momento del suo completamento - la decisione del giudice di chiudere la procedura (nel gennaio 2003). Questo periodo di oltre sette anni di appena un'indagine preliminare è eccessivo.


DECISIONE


La violazione dei requisiti di cui all'articolo 6 della Convenzione (all'unanimità) è stata commessa.


COMPENSAZIONE


Nell'applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. La Corte ha assegnato al richiedente EUR 4,500 in relazione al danno non-patrimoniale, la richiesta di risarcimento per danno patrimoniale è stata respinta.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.