La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la salvaguard Сведения: 2018-09-08 06:50:49

Decisione della Corte EDU del 14 dicembre 2017 nel caso di Orlandi e altri c. Italia (ricorso n. 26431/12 e altri).

Nel 2012, i richiedenti sono stati assistiti nella preparazione della ricorso. La ricorso è stata successivamente comunicata in Italia.

Nel caso, il reclamo dei richiedenti al rifiuto delle autorità di registrare i matrimoni omosessuali conclusi all'estero è stato considerato con successo. Nel caso ci fosse una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

 

CIRCOSTANZE DEL CASO


Ai candidati, coppie dello stesso sesso che si sono sposate all'estero, è stato chiesto di registrare i loro matrimoni in Italia. Essi sono stati negati registrazione per i motivi che l'ordinamento italiano non consente coppie dello stesso sesso di contrarre matrimonio. A seguito della sentenza del 21 luglio 2015 sul caso "Oliari e altri contro Italia" (Oliari e altri c. Italia) (denuncia N 18766/11 e 36030/11), la normativa italiana prevede la conclusione delle unioni civili in Italia. decreti successivi, si è constatato che le coppie che hanno stipulato il matrimonio, unione civile o altro sindacato rilevanti all'estero possono registrare la loro unione come un civile sotto le leggi vigenti in Italia. L'ultimo atto normativo è entrato in vigore nel 2017 e la maggior parte dei richiedenti lo ha usato.

La Corte europea dei ricorrenti lamentavano ai sensi degli articoli 8, 12 e 14 della Convenzione sul rifiuto delle autorità di registrare i loro matrimoni all'estero.


QUESTIONI DI LEGGE


Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 8 della Convenzione. Ai sensi dell'articolo 12 della Convenzione e l'articolo 14 della Convenzione, in combinato disposto con l'articolo 8 della Convenzione, membri possono limitare l'accesso al matrimonio solo per le coppie di sesso opposto. Lo stesso vale per l'articolo 14 della Convenzione, in combinato disposto con l'articolo 12 della Convenzione. Tuttavia, le coppie omosessuali necessitavano di riconoscimento legale e protezione della loro relazione. Le unioni civili hanno offerto l'opportunità di ottenere lo status legale di uguale o simile al matrimonio in molti modi. In linea di principio, un tale sistema prima facie è sufficiente per soddisfare gli standard della convenzione. unioni civili (e la registrazione dei matrimoni all'estero come unioni civili) appare anche per fornire più o meno le stesse protezioni come il matrimonio, per quanto riguarda la coppia di chiavi ha bisogno di un rapporto stabile e impegnata. Attualmente i candidati possono iscriversi a un'unione civile o registrare il loro matrimonio come unione civile. A questo proposito, la Corte deve solo stabilire se il rifiuto di registrare il matrimonio di candidati in qualsiasi forma, lasciandoli in un limbo legale e privo di qualsiasi protezione, prima dell'introduzione della nuova normativa, la violazione dei loro diritti ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione.

La domanda chiave è se sia stato stabilito un giusto equilibrio tra gli interessi in competizione. Il Governo convenuto non ha indicato una priorità per bilanciare l'interesse pubblico nell'interesse dei ricorrenti e il legittimo obiettivo del rifiuto di registrare il matrimonio, tranne che per le frasi generali su 'ordine pubblico interno.' A differenza di altre disposizioni della convenzione da parte del suo articolo 8 non include il concetto di "ordine pubblico" in un certo numero di obiettivi legittimi, nell'interesse della quale lo Stato potrebbe interferire nei diritti di una persona. Tuttavia, tenendo presente che è in primo luogo la legge dovrebbe stabilire le norme relative alla validità dei matrimoni e fare conclusioni giuridiche, la Corte ha già rilevato che la regolamentazione nazionale di registrazione del matrimonio deve soddisfare il legittimo obiettivo di prevenire i disordini. Così, la Corte potrebbe essere d'accordo ai fini della causa, che sono state prese le misure contestate per la prevenzione di disordini, in quanto la posizione del richiedente non è stato fornito dalla legislazione di Italia. L'essenza della questione sta nel fatto che la posizione dei ricorrenti non è previsto dalla legislazione del paese, soprattutto perché i ricorrenti non potevano invocare la tutela in Italia e le sue relazioni in qualsiasi forma, sia de facto o de jure Union in conformità con le leggi di uno stato straniero.

Il riconoscimento legale delle coppie omosessuali si sta rapidamente diffondendo in Europa. Un analogo rapido sviluppo è segnato in tutto il mondo, indicando un movimento internazionale proseguendo verso il riconoscimento legale di tali unioni. Finora, 27 paesi tra gli stati - partecipanti del Consiglio d'Europa hanno introdotto una legislazione che permette il riconoscimento delle coppie dello stesso sesso. Lo stesso non si può dire per la registrazione dei matrimoni omosessuali contratti all'estero, per i quali non esiste un consenso in Europa. In aggiunta agli stati - partecipanti del Consiglio d'Europa, in cui è consentito il matrimonio tra persone dello stesso sesso, informazioni di diritto comparato a disposizione della Corte (limitato a 27 Stati dove il matrimonio omosessuale non era a quel tempo consentito), indica che solo tre dei 27 Stati parti sono autorizzati a di registrare tali matrimoni, nonostante la mancanza (finora o nel periodo relativo alle circostanze del caso) nella loro legislazione matrimonio omosessuale. Di conseguenza, questa mancanza di consenso ha confermato che in linea di principio lo Stato dovrebbe avere un ampio margine di discrezionalità per quanto riguarda la decisione sulla registrazione di tali matrimoni, come matrimoni, come in questo caso, i prigionieri all'estero.

Per quanto riguarda gli interessi dello Stato e della società nel suo complesso, per quanto riguarda l'evasione di registrazione di tali matrimoni per la prevenzione di disordini le autorità italiane potrebbe desiderare di tenere a bada il trattamento dei suoi cittadini in altri stati a specifiche istituzioni, che non sono riconosciuti a livello nazionale (come il matrimonio tra persone dello stesso sesso) e che Lo stato non è obbligato a riconoscere dal punto di vista della Convenzione. In effetti, i dinieghi nella presente causa erano il risultato della decisione di un legislatore di non consentire il matrimonio omosessuale: questa è una scelta non condannata dalla Convenzione. Di conseguenza, la Corte ha deciso che c'era un interesse dello Stato legittimo a garantire che le sue prerogative legislative siano rispettati e, di conseguenza, che era impossibile non prendere in considerazione la varietà di governi democraticamente eletti. Il rifiuto di registrare il matrimonio dei ricorrenti non li privano dei diritti, in precedenza riconosciuto in Italia, e le ricorrenti sono ancora in grado di godere nello stato in cui sono stati sposati, e tutti i diritti e gli obblighi acquisito nel matrimonio. Tuttavia, le decisioni di rifiutare la registrazione del loro matrimonio in qualsiasi forma, lasciando i richiedenti in un vuoto giuridico (prima dell'adozione di nuove leggi), non tenevano conto della realtà sociale della situazione. Infatti, dato lo stato della legislazione che ha avuto luogo prima dell'introduzione di nuove leggi, le autorità non potevano riconoscere formalmente l'esistenza legale dell'unione dei richiedenti. Non è stato individuato alcun interesse pubblico prevalente per giustificare una situazione in cui alle relazioni dei ricorrenti è stato negato il riconoscimento e la protezione.

Le autorità italiane non potevano ragionevolmente ignorare la situazione dei ricorrenti, che corrispondeva alla vita familiare ai sensi dell'articolo 8 della Convenzione, senza offrire loro i mezzi per garantire la loro relazione. Tuttavia, fino a poco tempo fa, le autorità nazionali non hanno riconosciuto questa situazione o non hanno fornito alcuna forma di protezione per il sindacato dei ricorrenti a causa del vuoto giuridico esistente nella legislazione italiana. Ne consegue che lo Stato convenuto non ha stabilito un giusto equilibrio tra gli interessi concorrenti di qualsiasi, perché non fornisce al richiedente l'accesso a una base giuridica specifica che prevede il riconoscimento e la tutela dei loro unioni omosessuali.


DECISIONE


Nel caso ci fosse una violazione dei requisiti di cui all'articolo 8 della Convenzione (adottata con cinque voti "per" con due - "contro").

Sulla base dei risultati, a norma dell'articolo 8 della Convenzione necessariamente considera era se ci fosse stata una violazione anche dell'articolo 14 della Convenzione, in combinato disposto con gli articoli 8 e 12 della Convenzione.


COMPENSAZIONE


Nell'applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. La Corte ha assegnato a ciascun candidato EUR 5.000 in relazione al danno non-patrimoniale.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.