La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la salvaguard Сведения: 2018-07-20 05:36:41

Sentenza della Corte EDU del 22 giugno 2017 nella causa Barnea e Caldararu c. Italia (reclamo n. 37931/15).

Nel 2015, i richiedenti sono stati assistiti nella preparazione della reclamo. La reclamo è stata successivamente comunicata in Italia.

Il caso ha esaminato con successo la denuncia dei richiedenti per la rimozione del bambino dai genitori e il suo riconoscimento come adatto per l'adozione sulla base di condizioni di vita inadeguate in famiglia. Nel caso ci fosse una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

 

CIRCOSTANZE DEL CASO


I candidati sono la famiglia Rom. I genitori (i primi due candidati) ei loro quattro figli (altri tre candidati) vivevano nel campo in condizioni inadeguate.

Nel giugno 2009, la figlia più piccola è stata collocata in un'istituzione e poi riconosciuta da un tribunale di primo grado nel dicembre 2010. I ricorrenti sono stati criticati principalmente in relazione all'evasione della creazione di adeguate condizioni di vita materiali per il bambino e del suo trasferimento a terzi. Tuttavia, nell'ottobre 2012, la Corte d'appello ha deciso che il bambino dovesse essere restituito alla sua famiglia in sei mesi. I servizi sociali non hanno rispettato questa istruzione e nel novembre 2014 la corte ha esteso la permanenza del bambino nella famiglia affidataria. Nel gennaio 2015, la corte d'appello ha annullato questa decisione, ma ha sostenuto la permanenza del bambino nella famiglia affidataria, in cui la ragazza ha vissuto per sei anni.

Infine, nell'agosto 2016, il tribunale di primo grado ha ordinato il ritorno di lei alla sua famiglia. Il bambino è stato restituito alla famiglia nel settembre 2016, che la famiglia ha considerato un'esperienza molto difficile.


QUESTIONI DI LEGGE


Nonostante il margine di discrezionalità delle autorità dello Stato convenuto, le autorità italiane hanno omesso di adottare misure adeguate e sufficienti a garantire il diritto del richiedente di risiedere con il loro bambino nel giugno 2009 al novembre 2016, tenuto conto delle condizioni in cui sono stati divisi, e la non esecuzione della Corte d'Appello 2012 anno, prevedendo il ritorno del bambino alla famiglia, che ha violato il diritto dei richiedenti al rispetto della loro vita familiare.

In primo luogo, i motivi sui quali il tribunale di primo grado ha rifiutato di restituire la figlia alle ricorrenti e lo hanno ritenuto idoneo per l'adozione non costituivano "circostanze molto eccezionali" che potrebbero giustificare la rottura dei legami familiari. Inoltre, prima del collocamento del minore e della procedura di adozione, le autorità dovevano adottare misure pratiche per consentire alla ragazza di vivere con i candidati.

Nessuna accusa di maltrattamenti, abusi sessuali o carenze emotive, altri problemi di salute disturbanti o instabilità psicologica da parte dei genitori sono state fatte in qualsiasi fase del procedimento. Al contrario, le connessioni tra i genitori e il bambino erano particolarmente forti. I candidati potrebbero adempiere alle loro responsabilità genitoriali e non avere un impatto negativo sullo sviluppo del bambino. Inoltre, il primo parere degli esperti ha suggerito di avviare il processo di reintegrazione del bambino nella famiglia.

In secondo luogo, dopo la decisione della Corte d'appello nel 2012, il piano per ripristinare i rapporti tra i richiedenti e il minore nei sei mesi raccomandati non è stato rispettato. Il Tribunale di primo grado ha prolungato soggiorno nella casa adottiva e ha ridotto il numero di visite della ragazza e la sua famiglia di quattro all'anno, ha basato la sua decisione sul comportamento del ricorrente e le condizioni di vita fisiche, potenziali difficoltà di reinserimento del minore nella famiglia d'origine e il forte legame che si sono formate nella figlia del ricorrente, nella sala d'attesa famiglia.

Il fatto che un bambino possa essere collocato in un ambiente più favorevole per la sua educazione, da solo, non può giustificare la misura obbligatoria di rimozione dalla cura dei genitori biologici. Nel caso di specie, la capacità delle ricorrenti di fornire al proprio figlio sostegno educativo ed emotivo non era un problema ed è stata ripetutamente riconosciuta dalla corte d'appello.

In terzo luogo, anche se la decisione del giudice di merito è stata poi invertita nel 2015, la Corte d'appello, tuttavia, ha confermato che riceve l'immissione sulla base del fatto che, in vista della scadenza del tempo, sei anni, in questo caso, formano molto forti legami con la famiglia adottiva, e il ritorno del bambino alle ricorrenti era già inapplicabile.

Tuttavia, l'effettivo rispetto della vita familiare richiedeva che la relazione futura tra il genitore e il figlio dovesse essere determinata esclusivamente alla luce di tutti gli argomenti pertinenti e non solo di un semplice periodo di tempo. Nel caso di specie, le motivazioni fornite dai servizi sociali, e successivamente dalle autorità giudiziarie per aver rifiutato il ritorno del minore ai ricorrenti, non erano circostanze "molto eccezionali" che potevano giustificare l'interruzione dei legami familiari.

La Corte ha riconosciuto che, in considerazione del passare del tempo e dell'integrazione del minore nella famiglia affidataria, i giudici dello Stato convenuto potevano rifiutarsi di restituirlo. Tuttavia, nel caso di specie, il passare del tempo a causa dell'inerzia dei servizi sociali, all'inizio del processo di recupero della famiglia e le ragioni addotte dal giudice di estendere la collocazione temporanea del bambino, è un fattore determinante nel prevenire la riunificazione dei candidati con il bambino, che si terrà nel 2012.


DECISIONE


La violazione dei requisiti di cui all'articolo 8 della Convenzione (all'unanimità) è stata commessa.


COMPENSAZIONE


Nell'applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. La Corte ha assegnato ai ricorrenti 40.000 EUR a titolo di danno non patrimoniale.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.