La CEDU ha constatato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 3, all'articolo 6, paragrafo 1, e all'articolo 6, paragrafo 3, lettera c), della Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La CEDU ha constatato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 3, all'articolo 6, paragrafo 1, e all Сведения: 2019-10-01 12:58:00

Sentenza della Corte EDU del 24 gennaio 2019 nella causa Knox contro Italia (reclami n. 76577/13).

Nel 2013 il richiedente è stato assistito nella preparazione del reclamo. Successivamente, la reclami è stata comunicata dall'Italia.

Nel caso, la denuncia è stata considerata con successo che non vi sono state indagini sulla denuncia di maltrattamenti da parte della polizia durante l'interrogatorio di una persona in stato di shock. Vi è stata una violazione dei requisiti di cui all'articolo 3, paragrafo 1 dell'articolo 6 e alla lettera "c" del paragrafo 3 dell'articolo 6 della Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.


Circostanze


Nel periodo rilevante per le circostanze della presente causa, il richiedente, uno studente degli Stati Uniti che aveva allora 20 anni, era stato in Italia per circa due mesi. Ha trovato un lavoro temporaneo in un pub gestito da D.L. Dopo la scoperta del corpo del vicino del richiedente nell'appartamento, quando il richiedente e la sua amica erano lì, quest'ultimo fu interrogato e le loro conversazioni furono intercettate.

Il 6 novembre 2007, alle 1.45, il richiedente fu interrogato alla presenza di tre agenti di polizia e A.D., che servirono da interprete. Il richiedente disse, tra l'altro, che l'autore del reato era D.L. Il pubblico ministero ha quindi interrogato il richiedente alle 5.45 in presenza di A.D. e alcuni ufficiali di polizia. Il richiedente non è stato fornito di consulenza. Alle 8.30 la richiedente, la sua amica e D.L. sono stati arrestati per sospetto di violenza sessuale e omicidio. D.L., che ha dimostrato il suo alibi, è stato rilasciato.

Entro le 13.00 e successivamente nel corso del procedimento, la ricorrente ha affermato di essere in stato di choc durante l'ultimo interrogatorio, durante il quale ha accusato la polizia di essere accusata e accusata di nuovo D.L. Tuttavia, il 14 maggio 2008, è stata riconosciuta sospetta nel caso di diffamazione nei confronti di D.L.

Dopo l'udienza del 13 marzo 2009, durante la quale la ricorrente descrisse nuovamente il modo in cui era stata trattata durante gli interrogatori il 6 novembre 2007 e si lamentò delle azioni del traduttore A.D., l'avvocato della richiedente chiese che il caso fosse trasferito alla procura, ma senza risultato. È stato inoltre aperto un caso di diffamazione nei confronti del ricorrente nei confronti di agenti di polizia e del procuratore che l'ha interrogata il 6 novembre 2007.

Nel settembre 2015, la Corte di cassazione ha assolto il richiedente dalle accuse di omicidio e violenza sessuale e ha osservato che il ricorrente è stato condannato a tre anni di carcere per diffamazione di D.L. già ricevuto forza pregiudizievole. Nel procedimento di diffamazione contro la polizia e il pubblico ministero, anche il richiedente fu assolto.


DOMANDE DI LEGGE


Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 3 della Convenzione (aspetto procedurale). A seguito di accuse contro D.L. Il 6 novembre 2007 e durante tutti i procedimenti successivi nella causa, la richiedente sostenne che a quel tempo era in uno stato di shock e di eccitazione estrema e che la polizia l'aveva messa sotto pressione. Il 3 ottobre 2011 la corte d'appello ha riscontrato che il richiedente aveva effettivamente sofferto angoscia causando una situazione psicologica insopportabile e, al fine di uscirne, il ricorrente aveva accusato D.L.

Inoltre, il traduttore A.D. fungeva anche da mediatore, il che non era assolutamente necessario date le sue funzioni. Inoltre, uno degli agenti di polizia ha abbracciato il richiedente, l'ha accarezzata, le ha preso le mani e, quindi, si è comportato in modo inappropriato nel momento in cui il richiedente ha espresso le accuse, che sono state successivamente considerate diffamatorie e hanno portato alla sua condanna.

Tale comportamento, dal quale si può trarre una conclusione sul contesto generale in cui il richiedente è stato interrogato, ha dovuto essere portato all'attenzione delle autorità in relazione a una possibile violazione del rispetto della dignità del richiedente e della sua capacità giuridica.

Nonostante le ripetute denunce della ricorrente per il trattamento degradante di cui si lamentava, non vi erano indagini in grado di chiarire i fatti e le circostanze del suo caso. In particolare, l'obbligo di trasferire i materiali del caso all'ufficio del procuratore, depositato dalla difesa il 13 marzo 2009, è rimasto senza risposta. Inoltre, i procedimenti penali avviati dal richiedente per diffamazione delle autorità, a seguito dei quali il richiedente è stato assolto, dal momento che non c'erano prove che le sue accuse potrebbero essere incompatibili con fatti reali, non potevano essere considerati un'indagine efficace sul reclamo del richiedente.


DECISIONE


Il caso conteneva una violazione dell'articolo 3 della Convenzione (adottata all'unanimità).

Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 6, paragrafo 1, e dell'articolo 6, paragrafo 3, lettera c), della Convenzione. (a) Applicabilità dell'articolo 6 della Convenzione. La Corte ribadisce che una "accusa penale" ha luogo quando una persona è formalmente perseguita come sospetto dalle autorità competenti o quando le azioni di quest'ultima causate da sospetti di quella persona hanno conseguenze importanti per lui. Il richiedente poteva essere considerato un sospetto entro il momento della testimonianza del 6 novembre 2007, alle 5.45, al procuratore della repubblica. Di conseguenza, entro e non oltre le 5.45 è stata proposta una "accusa penale" nei confronti del richiedente ai sensi della Convenzione.

(b) Vi è un'urgente necessità che può giustificare una restrizione al diritto di accesso a un difensore. Il governo italiano ha sottolineato il fatto che, secondo la prassi giudiziaria del paese, le prove controverse del 6 novembre 2007 avrebbero potuto essere utilizzate in assenza di un avvocato nella misura in cui esse stesse contenevano il reato. Tuttavia, la Corte osserva che la pratica giudiziaria invocata dalle autorità italiane è di natura generale e che quest'ultima non ha dimostrato l'esistenza di circostanze eccezionali che giustificherebbero i diritti della ricorrente. Pertanto, non vi era alcuna urgente necessità di giustificare il diritto del richiedente a un avvocato.

(c) Equità del processo nel suo insieme. Poche ore dopo gli interrogatori del 6 novembre 2007, la richiedente, che era vulnerabile a causa del suo status di cittadino straniero di 20 anni che era stato in Italia per un breve periodo e non parlava fluentemente italiano, ha rifiutato la sua testimonianza. Tuttavia, sei mesi dopo, il 14 maggio 2008, è stata processata come sospetta nel caso della diffamazione.

Prove controverse sono state ottenute a seguito di una forte pressione psicologica, le cui circostanze non sono state chiarite durante l'indagine. La stessa testimonianza costituiva il reato di cui era stata accusata la ricorrente e, quindi, prove materiali per condurla in giudizio per diffamazione. Infine, il verbale dell'interrogazione della ricorrente alle 5.45 non conteneva una nota secondo cui era stata informata dei suoi diritti procedurali.

Pertanto, la restrizione al diritto del richiedente all'assistenza legale durante l'interrogatorio del 6 novembre 2007, alle 5.45, ha irreversibilmente violato l'equità del processo nel suo insieme.


DECISIONE


Nel caso si è verificata una violazione dei requisiti di cui al paragrafo 1 dell'articolo 6 e alla lettera "c" del paragrafo 3 dell'articolo 6 della Convenzione (adottata all'unanimità).

Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 6, paragrafo 1, e dell'articolo 6, paragrafo 3, lettera e), della Convenzione. Il ruolo del mediatore svolto dal traduttore d.C. mentre la ricorrente, accusata del crimine, esponeva la sua versione degli eventi, andava oltre le funzioni della traduttrice, che A.D. dovuto esibirsi. Tuttavia, le autorità non hanno valutato A.D. e non ha stabilito se svolgesse le funzioni di un traduttore conformemente alle garanzie di cui all'articolo 6, paragrafo 1, e all'articolo 6, paragrafo 3, lettera e), della Convenzione, e non ha preso in considerazione la possibilità che A.D. le conseguenze per l'esito del caso del richiedente. Inoltre, il rapporto degli interrogatori del 6 novembre 2007 non contiene informazioni sull'interazione del richiedente con A.D. durante questa azione procedurale.

Questo difetto iniziale, quindi, ebbe conseguenze per altri diritti che, sebbene fossero diversi dalla violazione di cui si lamentava il richiedente, erano strettamente correlati a lui e violavano l'equità del processo nel suo insieme.


DECISIONE


Nel caso si è verificata una violazione dei requisiti di cui al paragrafo 1 dell'articolo 6 e alla lettera "e" del paragrafo 3 dell'articolo 6 della Convenzione (adottata all'unanimità).

La Corte ha anche concluso che non vi era stata violazione dei requisiti dell'articolo 3 della Convenzione nel suo aspetto sostanziale a causa della mancanza di informazioni che avrebbero permesso di concludere che il richiedente era stato sottoposto a trattamento disumano o degradante.


COMPENSAZIONE


In applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. La Corte assegna al richiedente 10.400 EUR per danni non pecuniari.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.