La CEDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La CEDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione per la protezione dei Сведения: 2019-09-30 18:10:05

Sentenza della Corte EDU del 24 gennaio 2019 nel caso di Cordella e a. Contro Italia (reclami N 54414/13, 54264/15).

Nel 2013 e 2015 i richiedenti sono stati assistiti nella preparazione dei reclami. Successivamente, i reclami sono stati consolidati e comunicati dall'Italia.

Il caso ha esaminato con successo le denunce relative alla mancanza di risposta del governo convenuto all'inquinamento atmosferico di un'acciaieria a scapito della salute della popolazione che vive nelle vicinanze. Il caso conteneva una violazione dell'articolo 8 della Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.


Circostanze


La presente causa riguarda l'inquinamento atmosferico continuo di un'acciaieria che opera dal 1965 a Tarente con una popolazione di circa 200.000 abitanti. Lo stabilimento era in precedenza un'impresa statale privatizzata nel 1995. Nel 1990, il Consiglio dei ministri ha riconosciuto il sig. Tarente e quattro comuni vicini ad "alto rischio ambientale" a causa delle emissioni dall'impianto. Nel 1998, il presidente della repubblica ha approvato un piano di purificazione dell'aria. Nel 2000, con decreto dei ministeri del comune, Tarente e Statte furono inclusi nell'elenco delle "località di interesse in termini di miglioramento dei servizi igienico-sanitari". È stato concluso un accordo tra l'impresa e le autorità. Nel 2011 alla società sono state impartite istruzioni di natura materiale e informativa nel quadro dell'ottenimento di un permesso amministrativo per l'esercizio. Numerosi decreti legislativi volti a preservare l'attività siderurgica a Tarente, adottati nel 2012, hanno prorogato le scadenze. Nel 2015, a causa del fallimento dell'impresa, è stata introdotta una procedura di gestione temporanea nei suoi confronti, ad eccezione della responsabilità amministrativa o penale del gestore nell'attuazione delle misure di protezione ambientale previste. Nel frattempo, le autorità dell'Unione europea (la Corte e la Commissione) hanno concluso che le autorità italiane avevano violato il loro obbligo di garantire il rispetto delle direttive pertinenti. Inoltre, sono stati istituiti vari casi civili o penali, ma le emissioni nocive continuano.

I richiedenti, diverse decine di individui che vivono o risiedono più o meno vicino alla pianta, si sono lamentati della mancanza di azione da parte dello Stato per prevenire gli effetti sulla salute della pianta da emissioni nocive.


DOMANDE DI LEGGE


Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 8 della Convenzione. Nonostante il fatto che la Corte non abbia dovuto determinare con precisione le misure che avrebbero dovuto essere prese nel caso di specie al fine di ridurre efficacemente il livello di inquinamento, avrebbe senza dubbio dovuto decidere se le autorità italiane considerassero la questione con la dovuta diligenza e se tengono conto di tutti gli interessi concorrenti. Le autorità italiane dovevano fornire giustificazioni precise e dettagliate per una situazione in cui alcune persone erano costrette a sostenere un pesante onere in nome dell'interesse pubblico.

Dagli anni '70, la ricerca (condotta principalmente da organizzazioni statali e regionali) ha mostrato inquinamento atmosferico e danni alla salute umana dovuti alle emissioni dall'impianto di Tarente. Questi studi confermano l'esistenza di una relazione causale tra l'esposizione a sostanze inalate contenute nelle emissioni delle piante e lo sviluppo di vari tumori o patologie cardiovascolari (studio del 2012) o un aumento della mortalità dovuta a cause naturali dovute a tumori, malattie renali e cardiovascolari malattie (studio 2016) tra i residenti delle aree colpite. Lo studio del 2017 ha rilevato la situazione sanitaria critica in atto nei comuni identificata come una zona ad alto rischio per l'ambiente (mentre nella città di Tarente, il numero di patologie, mortalità e ricoveri in ospedale ha superato la media per la regione).

I tentativi delle autorità italiane di raggiungere la purificazione dell'aria nella regione fino ad oggi non hanno prodotto i risultati previsti. Di conseguenza, le misure raccomandate dal 2012 nell'ambito dell'autorizzazione amministrativa dell'attività non sono state adottate (il che ha portato a procedimenti nei corpi dell'Unione europea). Inoltre, l'attuazione del piano di protezione ambientale, approvato nel 2014, è stata ritardata fino all'agosto 2023. Pertanto, ci vuole troppo tempo per raggiungere gli obiettivi dichiarati di pulizia dell'aria.

Nel frattempo, le autorità italiane hanno adottato più volte misure urgenti (emanando leggi e regolamenti speciali) per garantire il proseguimento delle attività di fabbricazione dell'acciaio, nonostante la conclusione dei tribunali statali convenuti sulla base dei risultati degli esami chimici ed epidemiologici secondo cui sussistono gravi rischi per la salute umana e l'ambiente ambiente. Inoltre, alle persone invitate a garantire il rispetto delle normative ambientali (gestore temporaneo e futuro proprietario dell'impresa) è stata concessa l'immunità dalla responsabilità amministrativa e penale. A quanto sopra è stata aggiunta una situazione di incertezza derivante, da un lato, dal fallimento dell'impresa e, dall'altro, dall'opportunità fornita al futuro proprietario di rimandare l'attuazione delle misure di depurazione dell'aria.

Pertanto, dai materiali del caso risulta che, nella parte relativa alle azioni delle autorità, la gestione delle questioni ambientali derivanti dal funzionamento dell'impianto di Tarente è oggi bloccata. Di conseguenza, l'inquinamento ambientale continua, minacciando la salute dei richiedenti e, in un contesto più generale, l'intera popolazione che vive in zone a rischio e privata della situazione attuale di informazioni sullo stato di avanzamento della pulizia di questo territorio, in particolare i tempi dei lavori pertinenti. Nel complesso, le autorità italiane non hanno adottato tutte le misure necessarie per garantire l'effettiva protezione del diritto dei richiedenti al rispetto della loro vita personale, il che ha portato a uno squilibrio di interessi.


DECISIONE


Nel caso si è verificata una violazione dei requisiti dell'articolo 8 della Convenzione (adottata all'unanimità).

Per quanto riguarda l'applicazione dell'articolo 46 della Convenzione. Tenendo conto, in particolare, della complessità tecnica delle misure necessarie per ripulire l'area pertinente, che rientrano nella competenza delle autorità italiane, non è necessario ricorrere alla procedura di "decisione pilota". La Corte non dovrebbe dare al Governo convenuto raccomandazioni specifiche su un contenuto prescrittivo come indicato dai richiedenti: il Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa proporrà misure per far applicare questa sentenza alle autorità italiane. Tuttavia, resta il fatto che i lavori di pulizia dell'impianto e del territorio colpiti dall'inquinamento ambientale sono di fondamentale importanza e urgenza. Il piano di protezione ambientale, approvato dalle autorità italiane e che indica le misure e le azioni necessarie per garantire la protezione dell'ambiente e la protezione della salute pubblica, dovrebbe essere attuato al più presto.


DECISIONE


La Corte ha anche riscontrato una violazione dell'articolo 13 della Convenzione in combinato disposto con l'articolo 8 della Convenzione (adottato all'unanimità).


COMPENSAZIONE


In applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. La Corte ha deciso che l'accertamento di una violazione della Convenzione costituirebbe una soddisfazione equa sufficiente in relazione al danno morale.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.