La Corte EDU ha rivelato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La Corte EDU ha rivelato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenz Сведения: 2019-07-24 13:08:52

Risoluzione della CEDU del 13 dicembre 2018 nel caso della causa Casa di Cura Valle Fiorita Sr. (Casa di Cura Valle Fiorita S.r.l.) v. Italia (reclamo n. 67944/13).

Nel 2013, il denunciante è stato assistito nella preparazione di un reclamo. Successivamente, la reclamo è stata comunicata all'Italia.

Il caso è stato considerato con successo il reclamo del richiedente circa l'impossibilità di impossessarsi della sua proprietà in connessione con la non esecuzione dell'atto giudiziario sul ritiro di questa proprietà, motivata dall'impossibilità di sfrattare le persone che detengono la proprietà contestata a causa della mancanza di fondi di bilancio per fornire queste persone con altre abitazioni. Il caso ha violato i requisiti dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali.


LE CIRCOSTANZE DEL CASO


La società richiedente, il proprietario dell'edificio, non poteva impossessarsi della sua proprietà, circa 150 persone che erano state illegalmente occupate dal 2012, nonostante un ordine emesso dal giudice istruttorio nell'agosto 2013 per il sequestro urgente di proprietà. L'inosservanza della decisione sul sequestro della proprietà era giustificata, in particolare, dall'impossibilità di sfrattare le persone che occupavano l'edificio, poiché il comune non disponeva dei mezzi finanziari per fornire loro altri alloggi. In un memorandum di marzo 2016, il prefetto ha invitato il comune a cercare l'opportunità di reinsediare le persone che occupavano l'edificio per garantirne l'uscita.


DOMANDE DEL DIRITTO


Riguardo all'osservanza del paragrafo 1 dell'articolo 6 della Convenzione. Il giudice istruttore preliminare emesso nell'agosto 2013 per il ritiro urgente dell'edificio ha interessato la legge civile della società richiedente, vale a dire la tutela dei suoi diritti di proprietà. Inoltre, il decreto, per sua natura, era urgente perché intendeva impedire il proseguimento del reato al fine di garantire l'inviolabilità della proprietà della parte lesa. Inoltre, questa sentenza era definitiva ed esecutiva. Tuttavia, l'ordine di sequestrare l'edificio rimane insoddisfatto e le autorità non hanno fatto alcun tentativo di eseguirlo da quando il giudice ha emesso questa decisione.

Le autorità italiane giustificano il ritardo nell'esecuzione della decisione per motivi legati all'ordine pubblico e alle considerazioni sociali, principalmente la mancanza di opportunità di reinsediamento delle persone che occupavano l'edificio, in particolare a causa delle difficoltà finanziarie del comune. Allo stesso tempo, la Corte europea è pronta ad ammettere che le autorità dello Stato convenuto potrebbero anche essere guidate dal desiderio di evitare un grave rischio di disordini pubblici in relazione allo sfratto di diverse dozzine di persone, specialmente da quando l'edificio è stato catturato come parte di un'azione ampiamente riportata dalla stampa.

Tuttavia, le autorità italiane non hanno fornito alcuna informazione in merito alle misure adottate dall'amministrazione per risolvere il problema del reinsediamento dal momento del sequestro dell'edificio o almeno dal ricevimento della nota dell'ufficio del prefetto nel marzo 2016. Di conseguenza, l'inazione completa e prolungata delle autorità nella presente causa è infondata. Inoltre, la mancanza di risorse, così come la mancanza di altri alloggi, non può di per sé servire da scusa accettabile per la mancata esecuzione di una decisione giudiziaria.

Astenendosi dall'adottare qualsiasi misura necessaria all'esecuzione della decisione giudiziaria definitiva ed esecutiva per più di cinque anni, le autorità italiane nel presente caso hanno privato le disposizioni dell'articolo 6 § 1 della Convenzione di qualsiasi effetto benefico e hanno causato danni allo stato di diritto basato sullo Stato di diritto e certezza del diritto.


DECISIONE


Il caso era una violazione dei requisiti del paragrafo 1 dell'articolo 6 della Convenzione (adottata all'unanimità).

Riguardo all'osservanza dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione. Simile a quello stabilito dalla Corte di giustizia europea nella causa Matthews contro Francia (Matheus v. France) (31 marzo 2005, denuncia n. 62740/00), e in contrasto con la posizione espressa nella risoluzione della Grande Camera di Il processo di Immobilier Saffi c. Italia (Immobiliare Saffi c. Italia) (datato 28 luglio 1999, denuncia n. 22774/93), il rifiuto delle autorità italiane di liberare l'edificio del richiedente non è considerato come misura di controllo per utilizzando la proprietà ai sensi dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione. Nel caso in esame, nonostante il fatto che la questione del trasferimento delle persone che occupavano l'edificio fosse presa in considerazione, il rifiuto di sfrattare queste persone non derivava direttamente dall'applicazione della legge relativa alla politica socioeconomica in questo settore, ma era il risultato del rifiuto delle autorità competenti in circostanze specifiche e per diversi anni per effettuare la liberazione della proprietà della società richiedente. A questo proposito, l'inosservanza della decisione del giudice istruttore preliminare nell'agosto 2013 dovrebbe essere considerata alla luce della regola generale contenuta nella prima frase del primo paragrafo dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione, che sancisce il diritto al rispetto della proprietà.

Per più di cinque anni, le autorità rimasero inattive, nonostante la sentenza che il giudice istruttore preliminare ordinò di lasciare libero l'edificio del richiedente. Le ragioni sociali e la necessità di garantire l'ordine pubblico, che la Corte non sottovaluta, potrebbero nel caso presente giustificare il ritardo nell'esecuzione della sentenza. Tuttavia, la durata della mancata esecuzione della decisione fino ad oggi nel presente caso è inaccettabile, insieme alla totale mancanza di informazioni relative alle misure adottate o programmate dalle autorità al fine di risolvere la situazione. Inoltre, nel frattempo, la società richiedente deve pagare il consumo di elettricità degli occupanti dell'edificio. Tenendo conto degli interessi della società richiedente, le autorità hanno dovuto, dopo un ragionevole periodo trascorso per trovare una soluzione soddisfacente, adottare le misure necessarie per eseguire l'ordine del tribunale.


DECISIONE


Il caso era una violazione dell'Articolo 1 del Protocollo N.ro 1 alla Convenzione (adottata all'unanimità).


COMPENSAZIONE


In applicazione dell'articolo 41 della Convenzione. Il tribunale ha assegnato alla società richiedente EUR 20.000 a titolo di danno non patrimoniale, la richiesta di risarcimento del danno patrimoniale è stata respinta.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.