La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 2, all'articolo 3 e all'articolo 14 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

Заголовок: La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti di cui all'articolo 2, all'articolo 3 e all'articol Сведения: 2018-08-04 10:12:35

Sentenza della Corte EDU del 2 marzo 2017 nel caso di Talpis c. Italia (ricorso n. 41237/14).

Nel 2014, il richiedente è stato assistito nella preparazione della ricorso. Successivamente, la ricorso è stata e comunicata all'Italia.

Nel caso, una denuncia è stata presa in considerazione per eludere la valutazione della minaccia alla vita in caso di violenza domestica. C'è stata una violazione dell'articolo 2, dell'articolo 3 e dell'articolo 14 della Convenzione per la protezione dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali.

 

CIRCOSTANZE DEL CASO


A giugno e agosto 2012, la polizia è stata convocata due volte a casa del richiedente in relazione a casi di violenza domestica. Suo marito è stato multato per possesso non autorizzato di armi letali e il suo coltello è stato portato via. La ricorrente lasciò la sua casa matrimoniale e le fu concesso l'alloggio dall'associazione. 5 Settembre 2012, ha presentato una denuncia penale per lesioni personali, abuso e minacce di violenza, e anche chiesto di adottare misure di protezione.

Nel corso del primo interrogatorio da parte della polizia nel mese di aprile 2013, la ricorrente ha cambiato la sua testimonianza ha dichiarato che è stata picchiata, ma lei non è stata minacciata e che più tardi tornò a casa coniugale. Con queste modifiche, che il ricorrente ha spiegato alla pressione esercitata dal marito, l'inchiesta è stata parzialmente sospesa (sulla denuncia di maltrattamenti e minacce di violenza), ma è stata continuata su una denuncia contro lesioni personali (in ottobre 2015 il marito è stato condannato a bene).

Il 25 novembre 2013, la polizia è stata convocata per la terza volta. La porta era rotta, il pavimento disseminato di bottiglie di alcolici, ma né la ricorrente né il figlio della coppia non c'era alcun segno di violenza: il richiedente aveva detto solo che suo marito è ubriaco e ha bisogno l'aiuto di un medico, aggiungendo che aveva precedentemente depositato per la sua denuncia, ma poi ha cambiato la sua testimonianza. Mio marito è stato portato all'ospedale. Quella stessa notte fu multato per aver bevuto in un luogo pubblico. Poi tornò a casa con un coltello da cucina, che più volte colpì il ricorrente. Il loro figlio è stato ucciso mentre cercava di impedire l'attacco.

Nel gennaio 2015 il marito della ricorrente è stato condannato al carcere a vita: oltre a omicidio e tentato omicidio, è stato trovato colpevole di maltrattamenti dopo i testimoni hanno testimoniato circa gli atti di violenza che hanno avuto luogo in precedenza.


QUESTIONI DI LEGGE


Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 2 della Convenzione. Lo stato ha l'obbligo positivo di adottare misure operative precauzionali per proteggere una persona la cui vita è a rischio. L'esistenza di un reale e immediato pericolo per la vita deve essere valutata tenendo conto del contesto specifico della violenza domestica: l'obiettivo dovrebbe essere non solo nella tutela della società nel suo complesso, ma deve tener conto delle puntate successive di violenza domestica. Le autorità nazionali dovrebbero tener conto della situazione di notevole, l'insicurezza e la vulnerabilità fisica e materiale mentale, e per valutare la situazione di conseguenza, dandogli il supporto idoneo. In questo contesto, i diritti del colpevole non può essere data la priorità sui diritti delle vittime alla vita e all'integrità fisica e mentale.

Nel caso di specie, anche se le indagini sono state aperte contro marito della ricorrente a causa di maltrattamenti in famiglia, lesioni e minacce di violenza, un ordine di protezione non è stato emesso, e il ricorrente è stato sentito solo nel mese di settembre 2012, sette mesi dopo il deposito della sua denuncia . Questo ritardo potrebbe portare alla privazione della protezione immediata del richiedente, che la situazione richiedeva. Nonostante il fatto che un ulteriore violenza fisica non ha avuto luogo durante questo periodo, la Corte non ha potuto ignorare il fatto che il ricorrente, che sono stati intimiditi per telefono, vivere in una forte paura, quando ci si trova in un centro di accoglienza.

Anche se il richiedente ha davvero cambiato un po 'della sua testimonianza durante l'interrogatorio da parte della polizia, che ha dato alle autorità una scusa per smettere di parte delle indagini, le autorità non di effettuare una valutazione dei rischi, compreso il rischio di nuove violenze, gli atti di infortuni ha continuato. La Corte ha quindi respinto l'argomento della parte convenuta afferma che nessuna prova tangibile di una minaccia diretta alla vita del richiedente. Ritardi autorità private efficienza denuncia, creando una situazione di impunità favorevole ad una ripresa delle violenze dal marito, ha raggiunto il picco nella tragica notte del 25 Novembre 2013.

Tuttavia, quella notte la polizia è dovuta intervenire due volte, prima quando hanno ispezionato l'appartamento in rovina e poi quando sono stati arrestati e multati marito della ricorrente per ubriachezza in luogo pubblico. Né in questo, né in altri casi, essi non prendono particolari sforzi per fornire al richiedente protezione adeguata, coerente con la gravità della situazione, anche se erano a conoscenza degli abusi dal marito. La Corte europea non può speculare su come la situazione potrebbe svilupparsi se le autorità adottassero un approccio diverso. Tuttavia, il mancato adottare misure ragionevoli che potrebbero davvero cambiare il corso degli eventi o per mitigare il danno, sufficienti per la responsabilità dello Stato a sorgere. Con la possibilità di verificare in tempo reale il dossier della polizia del marito, le forze di sicurezza avrebbero dovuto sapere che essa rappresenta una vera minaccia per la sua immediata attuazione, che non possono essere escluse. Di conseguenza, le autorità non hanno usato i loro poteri per adottare misure che potrebbero ragionevolmente prevenire o almeno mitigare la materializzazione di una minaccia reale per la vita del richiedente e suo figlio. Ovviamente non avendo mostrato la necessaria diligenza, le autorità non hanno adempiuto al loro obbligo positivo.

 

DECISIONE


Nel caso ci fosse una violazione dei requisiti di cui all'articolo 2 della Convenzione (adottato con sei voti "per" a uno - "contro").

Per quanto riguarda il rispetto dell'articolo 3 della Convenzione. Il richiedente potrebbe essere considerato come appartenente alla categoria di "persone vulnerabili" che hanno diritto alla protezione dello Stato, tenendo conto, in particolare, degli atti di violenza a cui è stata sottoposta in passato. Questi atti violenti, che hanno causato la sua sofferenza fisica e la pressione psicologica, sono stati abbastanza seri da qualificarli come maltrattamenti ai sensi dell'articolo 3 della Convenzione.

Conformemente alle disposizioni della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica (la Convenzione di Istanbul, ratificata dall'Italia ed entrata in vigore nel 2014) richiede un'attenzione particolare quando si considerano le denunce di tali violenze. In questo ambito, le autorità nazionali dovrebbero considerare la situazione di estrema vulnerabilità mentale, fisica e materiale e vulnerabilità in cui si trova la vittima e valutare questa situazione il più rapidamente possibile.

La Corte ha tenuto conto, in conformità con l'articolo 2 della Convenzione, che l'elusione delle autorità di un'azione tempestiva ha privato il richiedente di ogni efficacia, creando una situazione di impunità, che ha contribuito alla commissione di nuovi atti di violenza da parte del marito. Nel caso in questione, non vi era alcuna spiegazione per i successivi ritardi: sette mesi di inattività ufficiale prima dell'istituzione del procedimento penale e tre anni di procedimenti penali in relazione a gravi lesioni personali dopo che la ricorrente ha presentato la sua denuncia. Questa mancanza ufficiale di agire era chiaramente incompatibile con i requisiti dell'articolo 3 della Convenzione.

 

DECISIONE


Nel caso di una violazione dell'articolo 3 della Convenzione (all'unanimità).

Ai sensi dell'articolo 14 della Convenzione, in combinato disposto con gli articoli 2 e 3 della Convenzione. La Corte ha fatto riferimento alla sua giurisprudenza l'aspetto della discriminazione di genere per eludere le autorità sulla protezione delle donne dalla violenza domestica. La portata del problema in Italia ha sottolineato le conclusioni del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne, le sue cause e le conseguenze della visita ufficiale in Italia nel 2012, il Comitato dei risultati stabiliti in conformità con la Convenzione sull'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW, 49 ° sessione 2010 anno), così come i risultati del Istituto nazionale di statistica (ISTAT, 2014). Il richiedente ha presentato elementi di prova in forma di dati statistici, in primo luogo, che la violenza domestica colpisce soprattutto le donne e che, nonostante in possesso di un gran numero di donne riforma uccise dai loro partner o ex-partner (femminicidio), e, in secondo luogo, che tendenza socio-culturale verso la tolleranza della violenza domestica persiste. Questi elementi di prova prima facie distinguere il caso in esame da "Rumor contro l'Italia (Rumor c. Italia) (decreto del 27 maggio 2014, N 72964/10 denuncia), che è circostanze del tutto diverse.

La Corte ha rilevato, a norma degli articoli 2 e 3 della convenzione sulla prevenzione delle autorità nazionali al fine di garantire l'effettiva tutela del richiedente e la situazione di impunità, i cui benefici sono estratte commesso atti di violenza. Sottovalutare la gravità della risposta in assenza di tali atti, le autorità italiane per promuovere efficacemente. Così, il ricorrente era stato discriminato in quanto donna.


DECISIONE


Nel caso di una violazione dell'articolo 14 della Convenzione (adottata da cinque voti "per" due - "contro").


COMPENSAZIONE


L'articolo 41 della Convenzione. La Corte ha assegnato al richiedente 30.000 euro di danno non patrimoniale, il requisito per danno materiale è stata respinta.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.