La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 6 § 1 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali e dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 della Convenzione.

Заголовок: La Corte EDU ha riscontrato una violazione dei requisiti dell'articolo 6 § 1 della Convenzione per la protez Сведения: 2018-07-22 06:00:34

Sentenza della Corte EDU del 1 ° giugno 2017 nella causa Stefanetti e altri c. Italia (reclami n. 21838/10 e altri).

Nel 2010, i richiedenti sono stati assistiti nella preparazione dei reclami. Successivamente, i reclami sono stati comunicati all'Italia.

Il caso ha esaminato con successo le denunce dei ricorrenti sulla perdita di due terzi delle pensioni di vecchiaia a seguito dell'introduzione di una legislazione che pregiudica in modo efficace l'esito del procedimento contro lo stato. C'è stata una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione per la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali e dell'articolo 1 del Protocollo n. 1 alla Convenzione.

 

CIRCOSTANZE DEL CASO


Le ricorrenti hanno avviato un procedimento relativo al metodo di calcolo utilizzato dall'Agenzia nazionale delle assicurazioni sociali (INPS) per determinare il diritto a una pensione di vecchiaia. Tuttavia, i tribunali hanno respinto le loro richieste dopo l'emanazione della legislazione di chiarimento, le disposizioni della legge finanziaria del 2007 (legge n. 296/2006), che ha sostenuto la posizione INPS. Di conseguenza, i ricorrenti hanno perso circa due terzi della pensione, che potevano aspettarsi di ricevere sulla base della giurisprudenza dei tribunali del paese.

In una sentenza del 15 aprile 2014 (sentenza principale), la Corte ha constatato che vi era stata una violazione dell'articolo 6 § 1 della Convenzione e dell'articolo 1 del protocollo n 1 della Convenzione, in assenza di validi motivi di interesse pubblico e l'impatto sproporzionato di intervento legislativo. La Corte ha assegnato EUR 12.000 a ciascuno dei richiedenti e ha posticipato la questione del danno patrimoniale.


QUESTIONI DI LEGGE


La Corte ha determinato il danno in due fasi.

  1. a) Calcolo della differenza tra gli importi effettivi ricevuti e quelli che sarebbero stati ricevuti in assenza della legislazione contestata. (i) Il periodo in esame. Il periodo da prendere in considerazione iniziava alla data della pensione dei richiedenti. Per quanto riguarda il momento della sua cessazione, la Corte non ha tenuto conto di ciò:

- un periodo che si conclude con l'entrata in vigore di questa normativa (l'argomento delle autorità dello Stato convenuto) come una violazione dell'articolo 6 della Convenzione e dell'articolo 1 del protocollo n 1 della Convenzione non era dovuto solo alla natura retrospettiva della legislazione;

- o la continuazione del termine prima della fine della speranza di vita dei richiedenti (argomento dei ricorrenti), poiché un equo compenso avrebbe dovuto essere correlato alle violazioni accertate. Per quanto riguarda il periodo successivo alla risoluzione di base (resa nel 2014), il danno subito deve essere determinato e verificato dalle autorità nazionali nel contesto della procedura per l'attuazione del Decreto principale.

Questo danno era dovuto unicamente al fatto che la legislazione contestata continuava a funzionare. Conformemente all'articolo 46, paragrafi 1 e 2, della Convenzione, nel contesto dell'applicazione delle normative, gli Stati hanno l'obbligo di porre fine alla violazione e di porvi rimedio alle sue conseguenze. La Corte ha fatto riferimento a questo proposito alla / Risoluzione CM ResDH (2013) 91 del Comitato dei Ministri del 29 maggio 2013 sul l'esecuzione della sentenza della Corte nel caso "Lakichevich e altri contro il Montenegro e la Serbia" ({Lakicevic} e altri c. Montenegro e Serbia ) (datato 13 dicembre 2011, reclami N 27458/06 e altri).

Di conseguenza, la Corte europea ha deciso di basare i suoi calcoli sul debito pensionistico stabilito nel 2014.

(ii) Importi richiesti dalle parti. Dal momento che l'importo richiesto dal ricorrente, erroneamente preso in considerazione i vari contributi che non contano, la Corte ha deciso di basare il calcolo dell'importo indicato dalle autorità dello Stato convenuto sulla base di tavole INPS. Per quanto riguarda il periodo successivo alla data in cui le cifre del governo sono state chiuse (2012), la Corte ha basato la sua valutazione sui dati dei richiedenti.

(b) Determinazione del danno su questa base, tenendo conto della natura della violazione trovata. Danni subiti nel caso di specie va oltre la "perdita di opportunità" perché non v'è stata una violazione non solo dell'articolo 6 § 1 della Convenzione, ma anche l'articolo 1 del protocollo n 1 della Convenzione.

Tuttavia, la Corte non avrebbe formulato la stessa conclusione sulla violazione se la riduzione della legge sulla pensione dei ricorrenti fosse rimasta ragionevole e proporzionata. La Corte ha in precedenza concluso che una riduzione dell'importo inferiore alla metà era ragionevole (vedere Maggio e altri c. Italia, sentenza del 31 maggio 2011, domande n. 46286/09 e altre ). Pertanto, il danno per il quale era dovuto il risarcimento non rappresentava la differenza totale tra gli importi percepiti dai ricorrenti e gli importi che avrebbero ricevuto se la legislazione non fosse stata adottata. A causa della natura della controversia, la Corte considera ragionevole per determinare la quantità di danni materiali in forma di differenza tra i valori ricevuti e il 55% degli importi che le ricorrenti avrebbero percepito in assenza di una normativa.

A seguito di questi calcoli, la Corte ha assegnato a ciascuno dei ricorrenti 14.786 EUR a 167.601 EUR, a seconda delle circostanze del caso. La Corte osserva che questi importi non hanno determinato un'eccezione speciale all'imposta sui redditi sui debiti pensionistici.

 

Добавить комментарий

Защитный код
Обновить

© 2011-2018 Юридическая помощь в составлении жалоб в Европейский суд по правам человека. Юрист (представитель) ЕСПЧ.